Biodistretti, comincia il percorso della proposta di Legge in Lazio

1 dicembre 2017
|
BIOLOGICO

Via libera presso il Consiglio regionale del Lazio, dell’articolo 1 della proposta di legge n. 388 del 2017.

Per biodistretto si intende un’area geografica omogenea naturalmente vocata all’agricoltura biologica, in cui le componenti del sistema agricoltura stringono un patto di solidarietà per la gestione sostenibile del territorio locale e mettono in rete le risorse naturali, culturali e produttive.

L’articolo, riguardante “finalità e obiettivi” della legge, è passato all’unanimità con cinque modifiche rispetto al testo originario, quattro delle quali proposte dai consiglieri del Movimento 5 stelle, per il quale era presente alla seduta Silvana Denicolò,  e una avente come primo firmatario lo stesso presidente Daniele Fichera.

Mettere in rete in un territorio le sue eccellenze” l’obiettivo di questa proposta, come spiegato da Enrico Panunzi (Partito democratico) in apertura di lavori. Tra le finalità figurano infatti la promozione dell’agricoltura biologica e dell’agroecologia, la diffusione di buone pratiche ambientali, rurali e sociali, la tutela  e valorizzazione della biodiversità, dei saperi locali, dei beni ambientali e culturali, del territorio e dei beni comuni, materiali e immateriali, lo sviluppo dell’ecoturismo e del turismo culturale e gastronomico, la diffusione di un modello partecipativo dal basso di uno sviluppo sostenibile e attento alle vocazioni territoriali, la promozione della sostenibilità ambientale ed energetica nella filiera agricola biologica e l’osservanza dei principi dell’agricoltura biologica formulati nel 2005 da Ifoam (Federazione internazionale dei movimenti dell’agricoltura biologica).

Due degli emendamenti, proposti dal Movimento 5 stelle, sono stati modificati su suggerimento dell’assessore all’agricoltura Carlo Hausmann, presente alla seduta; in uno di questi, in particolare, è contenuto un riferimento all’apicoltura come “attività rilevante per il mantenimento della biodiversità”. L’emendamento a firma Fichera, invece, consiste in una aggiunta del comma alla fine dell’articolo, in cui si afferma che la regione promuove iniziative volte a incentivare la produzione artigianale di alimenti ottenuti esclusivamente da attività agricole, senza uso di additivi e sostanze non naturali.

Dopo il parere favorevole all’articolo 1, il presidente ha aggiornato i lavori, anche per chiarire il punto rigardante le possibili sovrapposizioni tra questa proposta di legge e l’articolo sui biodistretti inserito nell’agosto scorso dalla legge regionale n. 9 all’interno della legge 21 del 1998 con cui la Regione aveva disciplinato l’agricoltura biologica.

Tags: , , ,
Banner Content
img advertisement
Credits: Agostini Lab Srl