Le fragole “buone, buone”?

7 novembre 2017
|
sostenibilità

Le fragole acquistate al supermercato contengono sei volte più sostanze nocive della frutta comunemente venduta.

Le fragole convenzionali che si acquistano al supermercato, sono spesso i prodotti da ortofrutta con il più alto livello di residui.  Inoltre, la combinazione di trattamenti effettuati, le renderebbe le meno salutari tra l’ortofrutta.

Secondo una ricerca effettuata dall’autorità per la sicurezza alimentare olandese (Nederlandse Voedsel- en Warenautoriteit), le fragole vengono trattate in media con 7 / 8 diversi diversi composti. Ma sebbene l’agenzia olandese non abbia riscontrato nessuna infrazione, i dubbi emersi sono molti. Ad esempio quelli del Pan (pesticide action network). “Il metodo della NVWA è totalmente superato”, spiega ad esempio Hans Muilerman del gruppo di ricerca PAN Europe al giornale olandese Trow. “Devi valutare le sostanze nocive complessive, gli effetti combinati e non la tossicità della singola sostanza”. Ci sono sostanze che diventano dannose solo in combinazione con altre. Secondo Muilerman, il consumatore non è sufficientemente protetto dagli standard di sicurezza alimentare attuali.

L’approccio metodologico del NVWA non spiega nulla sui reali pericoli. Non è solo l’effetto “cocktail” ma anche la somma  di vari composti con lo stesso effetto sull’organismo a rappresentare un pericolo, come ha spiegato il professor Reijnders dell’Università di Amsterdam. “Ci sono pesticidi diversi con lo stesso effetto su un particolare enzima, che si sommeranno”, ha spiegato a Trouw.

NVWA si impegna a rispettare le norme dell’Autorità di vigilanza europea, l’Efsa. Ma sebbene all’interno dell’agenzia europea gli esperti conoscano anche i “effetti del cocktail”, non ci sono stati aggiornamenti normativi, che sono ancora quelli della legge del 2005 che prevede che le autorità di vigilanza nazionali si adeguino “una volta che l’EFSA – spiega Reijnders – abbia sviluppato un metodo specifico. Sono passati dodici anni e il metodo non è ancora completo. È una vergogna. “

NVWA ha dichiarato di rispettare le norme europee legali per tutte queste sostanze. “Non vediamo alcun rischio. Se ci fosse allora interverremmo”, ha commentato un portavoce.

 

Glifosato, serve una ricerca indipendente e adeguata

Tags: , , , ,
Banner Content
Credits: Agostini Lab Srl